Tai Chi Chuan, arte marziale o meditazione in movimento?


Dove e quando
● Gallarate via Praderio 2, lunedì ore 20.15-21.30 e/o mercoledì ore 19.15-20.30
● Castellanza Skorpion Karate ASD via Asti 5, venerdì ore 21.15-22.30
● Casorezzo piazza Salvo D'Acquisto, 12 lezioni da mercoledì 3 ottobre a mercoledì 19 dicembre, ore 21.00-22.00
● Casorezzo piazza Salvo D'Acquisto, da giovedì 10 gennaio 2019 ore 21.30-22.30
● Lezioni individuali


Il Tai Chi Chuan è il più famoso tra gli stili interni del Kung-fu. Raffinata disciplina marziale di autodifesa, si basa sull'interazione e l'alternanza dei principi Yin e Yang che nel pensiero cinese regolano l'universo. Secondo la tradizione popolare fu un monaco taoista esperto di arti marziali a crearne i movimenti; ispirato dal combattimento tra un serpente ed una gru egli applicò alla disciplina marziale il principio che la morbidezza e la flessibilità vincono la rigidezza e la forza, creando una sequenza di movimenti da eseguire lentamente ed in combinazione con una respirazione diaframmatica. Beneficio della lentezza sotto l'aspetto marziale è l'assimilazione profonda della tecnica sia a livello fisico che a livello mentale, ma in senso più ampio il risultato della pratica è lo sviluppo della concentrazione e della presenza mentale, il rilassamento, un flusso energetico equilibrato, oltre all'allenamento di una postura corretta. Per queste caratteristiche il Tai Chi Chuan è praticato anche come ginnastica morbida particolarmente indicata per la salute psico-fisica dell'individuo e come forma di meditazione dinamica.

Alessandra Bonecchi
Pratico il Kung-fu trasmesso in Italia dal Maestro Chang Dsu Yao dal 2002. Il mio primo approccio è stato al Tai Chi Chuan, come forma di crescita interiore, profondamente legata al taoismo, che con lo zen rappresenta per me un tema di profondo interesse e di studio fin dai tempi dell'università. Dal 2006 ho affiancato al Tai Chi Chuan la pratica dello Shao Lin Chuan, più forte e dinamico, per rendere la mia preparazione più completa. La voglia di approfondire anche l'aspetto filosofico dell'arte del Kung-fu mi ha spinta ad affrontare i tre anni del corso istruttori tenuto dal Maestro Gianluigi Bestetti, che hanno arricchito di innumerevoli spunti e nuovi angoli di visuale il programma già vasto offerto dalla scuola Chang. Insegnare è sempre stato per me un modo di condividere, non solo la mia passione, ma anche le difficoltà del percorso, per crescere insieme nel benessere della mente e del corpo. Negli ultimi anni l'insegnamento mi ha posto di fronte a realtà particolari (oltre ai bambini, persone con difficoltà fisiche o emotive) e ho constatato la grande validità della pratica nel migliorare l'approccio psico-fisico alla quotidianità.

Valter Kosen Dolciotti
Nel 1970 ho iniziato a praticare Nippon Kempo e, per approfondire la conoscenza della cultura e della filosofia che animano questa arte marziale, mi sono avvicinato al buddismo zen. Negli anni ottanta ho smesso di praticare Nippon Kempo e ho iniziato la pratica e lo studio del T'ai Chi stile Chang e del Qi Gong, inizialmente da autodidatta, poi sotto la guida del Maestro Yang Lu, che dalla fine degli anni novanta ho affiancato nell’insegnamento. Nel 2008, per ampliare le mie conoscenze, ho iniziato lo studio e la pratica del T'ai Chi stile Yang del Maestro Chang Dsu Yao, raggiungendo il grado di cintura nera e frequentando il corso di istruttore.
A completamento di questo mio percorso ho frequentato corsi di formazione per diventare operatore di trattamenti energetici psicofisici, quali Shindo e Shiatsu.
In tutti questi anni ho continuato lo studio e la pratica del Buddismo Zen. Nel 2013, sotto la guida del Maestro Tetsugen Serra, ho preso i voti diventando Bodhisattva Zen.

Back Up, Gallarate
Skorpion Karate ASD

IMGP2301

Oltre lo Spazio di Bonecchi Alessandra - Via delle Chiuse, 1 - 20010 Casorezzo (Milano, Italy) - P.I. 08806260967